PDF Stampa E-mail

Pino COLIZZI

 

PER VOCE SOLA

Appunti di scena di un professionista outsider

provocati, raccolti e trascritti

da
Laura De Luca


 

 

Ho lavorato con Pino Colizzi per circa due anni su due fronti contemporaneamente:

la realizzazione del reading shakespeariano William contra Shakespeare, da me scritto e da lui diretto e la publicazione dei Sonetti,  da lui tradotti in italiano

per l'edizione multimediale della Società editrice Dante Alighieri (libro + CD).

Durante i lunghi mesi delle prove dello spettacolo da una parte e del lavoro editoriale dall'altra, ho fatto tesoro della immensa esperienza di Pino, delle basi della sua professione, della sua generosità e delle sue passioni, infine delle sue specialissime sfumature umane, tanto da proporgli di pubblicare la grande massa di appunti che avevo via via preso nelle varie fasi del lavoro comune, integrandoli con alcune domande più mirate sull'uso delle voce e sulla storia artistica di uno dei più eleganti e seri protagonisti dello spettacolo italiano.

Quello che siamo riusciti a costruire nell'arco di circa sei mesi è stata una conversazione composita e decisamente originale nella quale l' attore si racconta in cinquant''anni di carriera, attraverso incontri, aneddoti, idee, indicazioni di mestiere, confidenze ... Sono certa che l'opera rappresenti un utile strumento per tutti i professionisti del settore e in particolare per gli studiosi della voce.

Il libro è arricchito da uno vasto corredo di immagini: foto di scena e dai set, disegni, istantanee, locandine, ed è introdotto da due contributi di Gianpiero Gamaleri e di Ernesto G. Laura.




In realtà l'intervista fu proposta nella primavera 2012 ad a un editore che dopo un iniziale interesse al progetto, strada facendo cambiò programmi. Circa un anno dopo, l'occasione veniva colta da Francangelo Scapolla de Le Mani editore di Genova. Il libro vanta il sostegno dell'ANCCI, l'Associazione Nazionale Circoli Cinematogafici Italiani (www.ancci.it)  e di Cinquantasette (www.cinquantasette.net)

 

 

Ecco un assaggio dal sesto capitolo, quando chiedo a Colizzi di descrivermi "una bella voce":

 

Me l’hai già chiesto, ma come posso descriverti una voce?

La voce è uno strumento è vero, ma non uno strumento standard. Ogni voce è un capolavoro.

Unico, come la fisionomia. Non c’è una voce che sia uguale a un’altra, è come una faccia, come una foglia. Se hai orecchio, la riconosci anche dopo averla sentita una volta sola. Come una persona, la cui faccia ti rimane impressa…

Può cambiare il modo di usarla; possono cambiare i ritmi, i toni, ma la pasta non cambia, oltretutto sarebbe un peccato se cambiasse.

Difficile parlare di belle voci: possono piacerti o meno, come ti può piacere o non piacere il suono di uno strumento, ma una voce bella appartiene a chi riesce a farla credere bella.

Poi ci sono gli “a-vocici”, con voci del tutto insignificanti, come gli “a-faccici” che non riconosci dopo cento volte che li hai visti.

Ma può darsi che queste persone, di insignificante, non abbiano soltanto il viso e la voce…

Ci sono voci in scatola, le “voci-rumore” … quelle in un barattolo ricoperte d’olio…




 

Pino COLIZZI

PER VOCE SOLA

Appunti di scena di un professionista outsider

provocati, raccolti e trascritti

da
Laura De Luca


LE MANI EDITORE

Genova 2013

-

con la partecipazione di

cinquantasette.net

e

ANCCI