PDF Stampa E-mail

 I SONETTI

di William Shakespeare

Edizione 2016


Album numero 3


 

RIspetto alla versione a china firmata Diego Romano del 2011-12,
questa ad acquerello si è resa necessaria per
stemperare la "nevrosi" intellettuale dell'altra.

L'acquerello è più onirico, erotico, intimo e rispettoso
della privatezza della poesia shakespeariana
e anche dell'effetto che essa ha su di me.

Di questa straordinaria raccolta di versi mi colpisce la relazione dichiaratamente
scompensata che viene descritta tra una persona matura e un giovane di sfuggente
bellezza, tra un artista ossessionato dal desiderio di sottrarre questa bellezza
llo scorrere del tempo e un ragazzo apparentemente preso, al contrario, solo
dall'estemporaneità e dall'incoscienza del vivere...

La "vergognosa spudoratezza" del poeta
e la fugace accondiscendenza del suo amato
mi sembrano perfettamente a loro agio
nella fludiità della mezzatinta....