PDF Stampa E-mail

 I SONETTI

di William Shakespeare

Edizione 2016


Album numero 7


 

RIspetto alla versione a china firmata Diego Romano del 2011-12,
questa ad acquerello si è resa necessaria per
stemperare la "nevrosi" intellettuale dell'altra.

L'acquerello è più onirico, erotico, intimo e rispettoso
della privatezza della poesia shakespeariana
e anche dell'effetto che essa ha su di me.

Di questa straordinaria raccolta di versi mi colpisce la relazione dichiaratamente
scompensata che viene descritta tra una persona matura e un giovane di sfuggente
bellezza, tra un artista ossessionato dal desiderio di sottrarre questa bellezza
allo scorrere del tempo e un ragazzo apparentemente preso, al contrario, solo
dall'estemporaneità e dall'incoscienza del vivere...

La "vergognosa spudoratezza" del poeta
e la fugace accondiscendenza del suo amato
mi sembrano perfettamente a loro agio
nella fludiità della mezzatinta....

 

 

 

 

   

In occasione di
400 Will forever Young
celebrazioni del quarto centenario della morte di William Shakespeare,
a cura dell'Università Statale di Milano
una selezione dei miei 154 acquerelli dedicati ai Sonetti
sono esposti  il 23 novembre 2016 al Pacta dei Teatri
Milano, via Dini,
contemporaneamente allo spettacolo di Alessandro Pazzi