Close

I SONETTI di William Shakespeare edizione 2016 – 2022

 

Album n. 1
Album n. 2
Album n. 3
Album n. 4
Album n. 5
Album n. 6
Album n. 7

La straordinaria raccolta poetica shakespeariana che declina l’amore in tutte le sue sfumature non è mai stata abbastanza ritradotta e reinterpretata, non solo sul piano verbale, ma anche iconografico. Grazie a una catena di fatti e di incontri io mi sono avvicinata al delicato mistero di quest’opera avviando un mio personale percorso di approfondimento e appropriazione. Ho riadattato in endecasillabi le versioni originali e illustrato i 154 Sonetti con altrettanti acquerelli a mezza tinta. Il ricorso all’immagine mi ha illuso di poter partecipare non solo in veste di voyeur a un amore di oltre quattrocento anni fa, ma anche in quanto complice attiva di Shakespeare (casomai ne avesse ancora bisogno!)  nel suo proposito di salvaguardare dallo scorrere del tempo la bellezza del suo amato. Che io ho immaginato così: sensuale e insieme innocente (perché la sensualità è sempre innocente). Ho avuto però con me una schiera di altri importanti complici. I “miei” sonetti  shakespeariani saranno rieditati nei prossimi mesi da Armando Editore in un progetto trasversale e nelle intenzioni molto innovativo: il libro illustrato sarà anche un libro parlante. Il titolo è Sonetti di Shakespeare. Dalla pagina al metaverso. Tramite la tecnologia dei QR code, sfogliando il volume, si potranno ascoltare  i 154 componimenti nella interpretazione di oltre cinquantacinque generosi e prestigiosi attori. Italiani e non solo. Cui va il mio caloroso grazie per la partecipazione a quest’opera così complessa e stupendamente corale. Non mancheranno i contributi musicali e neppure l’affaccio nel mondo del Web 3.0, della blockchain, degli NFT e, appunto, del metaverso. Per dare ragione a Shakespeare quando scriveva: “Tuo monumento saranno i miei versi/ che occhi ancor non nati leggeranno/ Parleranno di te lingue future/ quando chi oggi respira sarà spento.” Ma questa è ancora un’altra storia.

°°°

In occasione di 400 Will forever Young (celebrazioni del quarto centenario della morte di William Shakespeare, a cura dell’Università Statale di Milano) una selezione di questi stessi 154 acquerelli dedicati ai Sonetti furono esposti il 23 novembre 2016 al Pacta dei Teatri Milano, via Dini, contemporaneamente allo spettacolo di Alessandro Pazzi.

 

°°°

Gli attori coinvolti nella lettura dei Sonetti sono, in ordine di “apparizione” nella raccolta:

Norman Mozzato

Armando De Ceccon

Cristina Del Sordo

Dina Braschi

Mariano Rigillo

Mauro Mandolini

Milena Vukotic

Sean-Patrick Lovett

Paolo Lombardi

Pino Censi

Mariù Safier

Eliana Astorri

Martine Brochard

Gino Manfredi

Raffaella Castelli

Sebastiano Somma

Emilio Cappuccio

Glauco Mauri

Vittorio Pavoncello

Franco Sciacca

Roberto Sturno

Idalberto Fei

Anna Teresa Rossini

Luigi Diberti

Sveva De Marinis

Stefano Onofri

Pier Paolo Cuna

Anna Melato

Chiara Spoletini

Antonello Avallone

Manfredi Aliquò

Gaetano Lizzio

Franco Ricordi

Sabina Vannucchi

Mino Caprio

Emidio Lavella

Francesca Ventura

Gabriele Parrillo

Claudia Campagnola

Giorgio Colangeli

Edoardo Siravo

Sergio Ammirata

Pamela Villoresi

Maria Rosaria Omaggio

Sergio Nicolai

Alessandro Pala Griesche

Andrea Martella

Daniela Barra

Carolina Zaccarini

Andrea Tidona

Gioacchino Maniscalco

Miriam Spera

Paolo Bonacelli

Margherita Patti

Arianna Ninchi

Luisa Maneri

Enzo Garinei