Close

UNA DONNA GIOVANE

Tutti hanno notato che è una donna. Diciamo quasi tutti. I tutori dell’intellighenzia di questo paese lo hanno fatto obtorto collo e con malcelata invidia: purtroppo questo glorioso primato di civiltà appartiene ai detestati retrogradi avversari. Invece nessuno sembra avere esultato per il fatto che  il nuovo premier è una donna giovane. Ora, che il rinnovamento in questo paese arrivi dalla destra reazionaria è davvero il colmo. O forse è il segno che la sinistra si è fermata a rivendicazioni di decenni  fa? O che –peggio- si sia attestata su un modello di politica basata più che sull’innovazione sulla conservazione dei privilegi di casta? In effetti quello dell’età non è un primato di Giorgia Meloni: dei suoi ultimi dieci predecessori solo uno ha iniziato il suo mandato quando ancora non aveva 40 anni, Matteo Renzi, e solo uno quando ne aveva appena 47, Enrico Letta.  Per il resto, in maggioranza, l’età media dei nostri ultimi capi di governo a inizio mandato è stata ampiamente sopra ai 60, per arrivare al record dei 74 di Mario Draghi.

A  un paese disastrato come il nostro in questo particolare momento storico servono certo professionisti di consumata esperienza, ma anche la baldanza e la grinta non ci faranno male. Forse i detrattori del neo Presidente del Consiglio, che vedono aleggiare sulla sua testa bionda le ali nere di fantasmi del passato e che si nutrono di solidi pregiudizi, temono anche solo di pensare la parola “giovinezza”  a lei riferita, sentendo riecheggiare in essa minacciosi cori di altri tempi. E d’altra parte, è possibile che i suoi sostenitori temano che all’energia e all’entusiasmo dell’età corrisponda una buona dose di ingenuità. Esempi recenti  in questo senso nel panorama politico nostrano purtroppo  non mancano: essere giovani (anche politicamente) non è un merito.

Una donna giovane alla guida di un paese sull’orlo di una crisi epocale, nel cuore di un continente stretto tra opposti interessi redivivi e anacronistici, che stanno portando il mondo sull’orlo di una crisi altrettanto epocale non potrà pensare di avere un percorso lineare, coerente con la chiarezza delle proprie idee e fidando solo sulla propria determinazione e sul sostegno dei suoi alleati.  Perfino un mare apparentemente calmo deve fare i conti con innumerevoli correnti  sottomarine spesso imprevedibili e difficilmente avvertite. Una di queste correnti  da sempre trascurate  “in fondo a destra” è la noncuranza circa il necessario background culturale di ogni linea politica e la leggerezza con cui vengono ignorati  i pregiudizi, che sono nostalgici almeno quanto i loro bersagli, ovvero i nostalgici di passati regimi. La solida formazione popolare di Giorgia Meloni, che è la sua maggiore dote, ovvero la sua freschezza, non può farle dimenticare che, senza un solido apparato culturale capace di guardare veramente avanti, i papaveri e i soloni dell’opposizione ne faranno un bel boccone in pochi mesi. Che dimostri dunque che a destra non ci sono soltanto i figli o i nipoti degli squadristi, ma anche pensatori, artisti, filosofi, compositori  e poeti, insomma gente pensante e senziente, sensibile al futuro, in grado di progettarlo, come hanno sempre fatto del resto tutte le avanguardie, anche in altre epoche, guidate non a caso da menti giovani. Dimostri che i custodi del sapere e della bellezza in un paese civile non hanno colore politico, ma che pure devono poter sostenere, con energia e lungimiranza, le scelte politiche.  Si ricordi, il neo Presidente del Consiglio, che specialmente in un paese come il nostro, la cultura è e deve tornare ad essere pane quotidiano diffuso sulla mensa di tutti, non solo spocchiosa esclusiva per le tavole di pochi.

 

21 ottobre 2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.